Tre mandorle

Tre a te
tre a me.
Le piccole speranze del mattino
a naufragare in un finto clacson,
pensieri insonni spesi male
suoni immaginati a generare una carezza.

C’era una città straniera
e c’era la pensilina di un metrò
in un altro novembre
con la stessa pioggia,
ma nessun pelo
in nessun luogo,
a darti fastidio
così
puliti e spaventati
ci siamo corsi incontro.

E ancora luoghi di passaggio
ci ospitano gli sguardi
e ancora binari da maledire
per il loro correre paralleli
all’infinito
senza incontrarsi
eppure vanno entrambi verso lo stesso punto.

E questa mia voce svelata
non può che stare muta ora
e conservare tutte le parole
come embrioni di rimpianto.
Alleno i muscoli a stare fermi
in una volontà congelata
storpiata
dalla tua danza sul nulla
e il buco nero che t’inghiotte
mi fissa
impotente
ora che nessuna carta
racconta il mio nome.

Gonfio di ogni significato
mi staglio
su mattine sempre più sbiadite,
percorro i miei riti
accordandomi su una nota sola
a scudo delle tentazioni.

Ma c’è una macchia di vernice
sul pigiama
piccola
indelebile
macchia
della tua vernice
sul mio pigiama.Daido Moriyama

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                      Foto © Daido Moriyama

Annunci